60 anni di giornalismo a tu per tu con i più grandi

Presentazione del libro di Carla Maria Casanova
Mercoledì 10 maggio 2017 ore 17.30

Sarà un viaggio in «60 anni di giornalismo a tu per tu con i più grandi» quello in programma mercoledì 10 maggio con inizio alle ore 17.30 al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” nella sua sede di Palazzo Gopcevich in Via Rossini 4. Ma sarà anche un itinerario virtuale nelle collezioni del Museo, depositario di numerose testimonianze e preziosi cimeli di molti dei grandi raccontati da Carla Maria Casanova nel suo libro «IL GESTO DELLA MUSICA», di recente pubblicazione per i tipi di Zecchini Editore.
A dialogare con l’Autrice, Isabella Gallo, in un appuntamento realizzato ‘a quattro mani’ dallo “Schmidl” e dal Circolo della Cultura e delle Arti, presentato da Stefano Bianchi e con la partecipazione dell’attrice e regista Marisandra Calacione.
Il mondo della lirica è fascinoso e bizzarro, grottesco e sublime. I suoi protagonisti non sono da meno. Parola di Carla Maria Casanova, che ci bazzica dentro da 60 anni. Ascoltandoli, rincorrendoli, viaggiando per tutto il mondo, cacciandosi in avventure spericolate, raggiungendo mete impensabili o subendo fiere sconfitte. Per fortuna, a Carla Maria Casanova non manca l’ironia. E comunque sempre grandissimo è l’entusiasmo.

Nata a Monza il 1° agosto 1936 da padre italiano e madre belga, giornalista professionista, Carla Maria Casanova è presidente internazionale della AIJPF (Associazione Professionale Donne Giornaliste). Laureata in architettura, dopo uno stage nella scenografia del Teatro alla Scala con Nicola Benois, si è dedicata esclusivamente al giornalismo, con specializzazione Cultura e Teatro musicale. Critico musicale su «L’Italia» (1961-1968), «La Notte» (1970-1984), l’Inserto Domenicale di «Il Sole-24 Ore» (1984-2003); firma attualmente sulle testate del Gruppo Monrif («Il Giorno», «La Nazione», «Il Resto del Carlino»). Ha pubblicato «Renata Tebaldi, la voce d’Angelo» (Electa, Milano 1981) tradotto in francese, inglese, russo; «Maria Giovanna Albertoni Pirelli e Nomadelfia» (Viennepierre, Milano 2000) finalista Premio Maria Cristina; «Cesare Bardelli, il principe dei baritoni» (Azzali, 2002), «Tra cavalli e corse» (Compagnia 5 Vie, Milano 2003), «Diario della Nonna Giulia» (Viennepierre, Milano, 2008). Ha molto viaggiato spesso come guida dei tour. Yemen (5 viaggi) e Afghanistan, terre di deserti, sono rimasti i suoi Paesi del cuore. È impegnata nel volontariato. Vent’anni fa è morta la sua gatta Viola: la piange ancora.

L’ingresso alla manifestazione è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.