Arnold Schönberg, Autoritratto in blu (1905)

Arnold Schönberg, Autoritratto in blu (1905)

Sechs Klavierstücke di Arnold Schönberg per i cinque sensi

 Giovedì 21 maggio 2015 – ore 17.30

Frutto della collaborazione tra il Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” ed il Conservatorio “Tartini”, il ciclo «Le stanze della musica» offre una sorta di fuori programma. L’appuntamento è per giovedì 21 maggio 2015 alle ore 17.30 presso la Sala “Bobi Bazlen” al piano terra di Palazzo Gopcevich. Alle sette tappe dedicate alla scoperta dei singoli strumenti e delle singole famiglie strumentali, fa seguito una lezione-concerto dal titolo “Sechs Klavierstücke di Arnold Schönberg per i cinque sensi”. Nel corso di una singolare performance audiovisiva con abbinamento enogastronomico, introdotta dal docente di composizione Fabio Nieder, verranno proposti i «Sechs Klavierstücke op. 19» di Arnold Schönberg, nell’esecuzione del pianista Davide Coppola, allievo della prof.ssa Maria Rita Verardi. All’esecuzione dell’originale pianistico farà seguito quella della trascrizione dell’opera schoenberghiana per piccola orchestra, realizzata da Mira Fabjan, allieva di Fabio Nieder nell’ambito del corso di Strumentazione e Orchestrazione. L’ensemble è composto da un gruppo di studenti del Conservatorio di Trieste diretti dalla stessa Mira Fabjan. Questa prima parte dell’evento è appunto dedicata all’udito. Alla vista ci penseranno invece gli artisti Franko Vecchiet e Patrizia Bigarella, che realizzeranno delle performance ispirate all’opera di Schoenberg.

L’olfatto, il gusto e il tatto saranno quindi stimolati dalla fantasia della musicista ed esperta di arte culinaria carsica Vesna Guštin, che per l’occasione ha elaborato delle ricette carsiche triestine ispirate ai «Klavierstücke» schoenberghiani. A suggerire la quadratura del cerchio fra elementi apparentemente così lontani fra loro, sarà infine il vino, frequentemente connesso all’ispirazione artistica: i vinicoltori presenteranno i propri vini in combinazione con le ricette. Il concetto di trascrizione sembra non conoscere confini e tutti i sensi sono invitati a prenderne parte.

L’accesso alla manifestazione è libero fino ad esaurimento di posti disponibili.

info
Tel. 040 675 4072
museoschmidl@comune.trieste.it