Giovedì 13 aprile con inizio alle ore 17.30 al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”, saranno gli allievi della violoncellista Sanja Repše presso l’Atélier musicale Tartini di Lubiana i protagonisti dell’ultimo appuntamento con «TARTINIANA», il cartellone di eventi musicali collegati alla doppia mostra «El Tartini in piassa» e «Tartini 1692-1770», firmata da Duška Žitko, realizzata dal Museo del Mare “Sergej Mašera” di Pirano, allestita a Trieste nel segno di una proficua collaborazione transfrontaliera – arricchita dei preziosi cimeli tartiniani del Conservatorio “Tartini” – e visitabile fino a lunedì 17 aprile al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” nella sua sede di Palazzo Gopcevich in Via Rossini 4.

Fondato a Lubiana nel 1990 dai violinisti Vildana e Vlado Repše, l’Atélier Musicale Tartini è nato nel nome del «Maestro delle nazioni» quale prima scuola musicale privata in Slovenia. I programmi di studio danno ampio spazio alla musica da camera e alle esercitazioni orchestrali. Numerosi sono i premi ottenuti in questi anni dagli allievi, molti dei quali, una volta conseguito il diploma, hanno approfondito la loro formazione con corsi di perfezionamento a Lubiana, Vienna, Mosca, Praga, Colonia, Zagabria, Amsterdam, Dallas, New York e Madrid.
Laureata presso il Conservatorio di Stato Čajkovski di Mosca, Sanja Repše si è successivamente perfezionata all’Accademia Musicale di Lubiana, all’École de Musique di Parigi e alla Scuola di Musica di Fiesole. Pluripremiata in concorsi musicali statali nel suo Paese, insegna all’Atélier musicale Tartini e al Conservatorio di danza di Lubiana. I suoi allievi hanno ottenuto premi in vari concorsi nazionali e internazionali. Co-autrice del testo scolastico Primi passi per i violoncellisti esordienti, siede nella giuria di diversi concorsi musicali.
Ad esibirsi sotto la sua guida nell’appuntamento di giovedì 13 aprile – in un programma con pagine di Tartini, Beethoven, Squire, Klengel, Purcell, Dvořák, Bowman, Sint-Saëns e de Abreu – saranno i suoi allievi Bor Grafenauer, Lina Senica, Kim Kozlevčar, Luka Papež, Neža Verstovšek, Samo Fučka, Aljaž Luci, Klemen Šubic, Asja Šoster Farasin, Arina Pavlovič.

L’ingresso alla manifestazione è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.