Clavecin_Encyclopedie

Clavicembalo raffigurato in una tavola della sezione «Lutherie» dell’«Encyclopédie» di Diderot e D’Alembert

Lunedì 9 giugno, alle ore 17.30, sinfonia di primavera allo “schmidl”

È nel nome del connubio tra la musica ed il vino l’ultimo della serie di appuntamenti che hanno animato la stagione primaverile del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” nella sua sede di Palazzo Gopcevich (Via Rossini, 4).
Protagonisti dell’incontro, in parole e musica, di lunedì 9 giugno, con inizio alle ore 17.30, saranno infatti il clavicembalo di Michele Benuzzi, la voce del tenore Paolo Borgonovo ed i vini ‘raccontati’ da Elisabetta Bonino e Alessandra Cossu, autrici del volume «Osmize illustrate. Trieste e il Carso di frasca in frasca», di recente pubblicazione per i tipi della LINT Editoriale.
Benuzzi e Borgonovo sono i protagonisti (assieme al soprano Elena Bertuzzi, al violinista Ulrike Slowik ed all’Ensemble Arcomelo) di una registrazione discografica per l’etichetta Brilliant in 6 CD dedicata al compositore boemo Jiří Antonín Benda, vissuto tra il 1722 ed il 1795, autore di melologhi apprezzatissimi da Mozart e noto in ambiente tedesco come Georg Benda.
Le sei raccolte alle quali è dedicata la registrazione contengono musiche vocali e strumentali di vario tipo, dal Lied alla cantata, passando per il quintetto d’archi e i brani per cembalo solo. Tra i Lieder, perlopiù a tematica amorosa e pastorale, spiccano alcuni testi di forte ironia, spesso inneggianti ai piaceri del vino – a cui Benda era notoriamente devoto.
E proprio nel segno di Bacco sarà anche la conclusione dell’incontro, con un calice di vino direttamente dall’osmiza di Stanislao “Stanko” Milič. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Per informazioni: tel. 040 675 4039
museoschmidl@comune.trieste.it

COMTS