Lunedì dello Schmidl

L’omaggio triestino a Ferruccio Busoni

Pubblicato il

Lunedì 12 dicembre 2016
ore 17.30

Nella registrazione discografica del concerto della Nuova Orchestra da Camera Ferruccio Busoni nel centocinquantesimo anniversario della nascita del grande pianista e compositore

Nello scorso mese di aprile, il Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” è stato promotore di una «Settimana Busoniana». A Ferruccio Busoni, il grande compositore e pianista, triestino da parte di madre e per formazione, nel centocinquantesimo anniversario della nascita, è stata così dedicata una sorta di ‘corale’ festa di compleanno, organizzata assieme al Conservatorio “Tartini”, al Circolo della Cultura e delle Arti, alla Società dei Concerti, alla Nuova Orchestra da Camera Ferruccio Busoni, all’Ente Regionale Teatrale e al Teatro Verdi.
In quell’occasione, l’Orchestra triestina che di Busoni porta il nome è stata protagonista di un concerto la cui registrazione discografica è al centro dell’appuntamento di lunedì 12 dicembre con inizio alle ore 17.30 presso la Sala “Bobi Bazlen” al piano terra di Palazzo Gopcevich, nell’ambito del ‘cartellone’ dei «Lunedì dello Schmidl».
A presentare il disco saranno Stefano Bianchi, Conservatore dello “Schmidl” e curatore del ciclo dei “Lunedì”, e Massimo Belli, Direttore dell’Orchestra Busoni.

Sarà questa una nuova occasione per onorare la memoria di Ferruccio Busoni, attraverso alcuni assaggi di ascolto del CD fresco di stampa per l’etichetta Concerto Classics, dedicato a tre giovanili partiture busoniane: il «Concerto per pianoforte e archi in re minore», portato a termine a Vienna nel 1878 da un Busoni non ancora dodicenne e qui eseguito da Chloe Mun, la pianista vincitrice dell’edizione 2015 del prestigioso Concorso “Busoni” Bolzano; il «Quartetto per archi op. 19», composto subito dopo a Graz, all’ombra dell’insegnamento di Wilhelm Mayer Remy; per finire con i «Canti popolari finlandesi op. 27», frutto del periodo trascorso (tra l’autunno 1888 e l’autunno 1890) da Busoni quale insegnante presso l’Istituto Musicale di Helsinki, proposti nella versione per orchestra d’archi che Marco Sofianopulo ha confezionato nel 2006 e dedicato a Massimo Belli e alla sua orchestra.
L’ingresso alla manifestazione è libero, fino ad esaurimento di posti disponibili.

Info
Tel. 040 675 4039 – www.triestecultura.it – www.museoschmidl.it – museoschmidl@comune.trieste.it