MostreNotizie

Una vita per il balletto. Hommage à Jelko Yuresha

Al Civico Museo Teatrale “C. Schmidl” in mostra la scarpina da ballo di Maria Taglioni, la prima grande ballerina romantica. Apertura anche domenica 1 maggio

La scarpina da ballo che Maria Taglioni, la prima grande ballerina romantica, indossò a Trieste nella Stagione di Quaresima 1845 è esposta nella mostra “Una vita per il balletto. Hommage à Jelko Yuresha”, allestita al Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl” e aperta anche sabato 30 aprile e domenica 1 maggio (orario 10-17, biglietto d’ingresso: intero 4 euro, ridotto 3 euro).

Nata a Stoccolma nel 1804 e scomparsa a Marsiglia nel 1884, Maria Taglioni nel 1832 aveva trionfato a Parigi con “La Sylphide”, coreografia per lei creata da suo padre. Nello spettacolo apparvero le due grandi innovazioni del balletto romantico, vale a dire il tutù e la danza sulle punte.
La mostra “Una vita per il balletto. Hommage à Jelko Yuresha” è organizzata dal Comune di Trieste, dalla Comunità Croata di Trieste / Hrvatska zajednica u Trstu e dal MUO – Museo dell’Arte e dell’Artigianato / Muzej za umjetnost i obrt di Zagabria.