Notizie

Strehler, Goldoni, i loro Mémoires

Conversazione di Paolo Quazzolo
Lunedì 18 ottobre 2021 ore 17.30

«STREHLER, GOLDONI, I LORO MÉMOIRES» è il titolo della conversazione di Paolo Quazzolo in calendario lunedì 18 ottobre 2021 alle ore 17.30 nella Sala Bazlen di Palazzo Gopcevich (Via Rossini, 4), con il quale prosegue la serie di iniziative che il Comune di Trieste e il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia dedicano a Giorgio Strehler nel centenario della nascita, a partire dai materiali del Fondo Giorgio Strehler del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”, istituito a seguito della donazione delle eredi del Maestro, Andrea Karina Stumpf Strehler Jonasson e Mara Maria Bugni e costituito da oltre 4.000 tra volumi e periodici, 148 buste d’archivio, scatole d’archivio contenenti bozzetti scenografici, figurini, fotografie manifesti e locandine.

Appunto manoscritto di Giorgio Strehler per il progetto dei «Mémoirs»

Il progetto TSxGS, messo a punto con il fondamentale apporto ideativo e curatoriale del critico teatrale Roberto Canziani, prevede iniziative e eventi che ne vivificano oggi la memoria e riattivano al tempo stesso i legami, numerosissimi, che fanno di Strehler un triestino d’eccellenza. Una delle figure che hanno diffuso nel mondo l’unicità geografica e culturale di questa città: l’influenza e la posizione che essa ha avuto nell’immaginario culturale internazionale del Novecento.

Docente di Storia del Teatro all’Università di Trieste, Paolo Quazzolo ha dedicato uno studio alle sceneggiature che Strehler scrisse alla fine degli anni ’60 per un originale televisivo Rai – mai realizzato – sulla vita di Carlo Goldoni. Di queste carte si era perduta traccia. Ritrovate e custodite adesso tra i materiali del Fondo, quelle pagine sono state pubblicate dalla casa editrice Marsilio nel 2013. Ad alcune di esse darà voce, nel corso dell’incontro, Emanuele Fortunati, attore della Compagnia del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia.

ACCESSO CON GREEN PASS fino a esaurimento dei posti disponibili

Consigliata la prenotazione alla casella di posta elettronica museoschmidl@comune.trieste.it, indicando nome, cognome e recapito telefonico